Nervo Vago: efficacia dell’Osteopatia



Il Nervo Vago: efficacia dell’Osteopatia 

E' il principale sistema antinfiammatorio del nostro organismo.

La sua funzione si riduce a causa dello stress cronico e dell'infiammazione.
 
Il nervo vago, o X (decimo) nervo cranico, è la principale via di controllo parasimpatica del nostro corpo, regola le risposte a determinati fattori di stress e collega il cervello agli organi interni: esofago, laringe, faringe, polmoni, cuore, fegato, cistifellea, stomaco, intestino, pancreas, milza, surreni.

E' responsabile delle nostre espressioni facciali.

Quali sono le principali funzioni?

  • Produce effetti antinfiammatori grazie alla produzione di acetilcolina, ed è responsabile dell'equilibrio del sistema nervoso, immunitario, ormonale e metabolico.
  • Regola: la digestione, la funzione gastrointestinale,  la secrezione pancreatica, della bile e della saliva; i livelli di glucosio nel sangue, il testosterone e la fertilità femminile.
  • È importante sapere che l'asse cervello-intestino, attraverso il vago, è fortemente influenzato da problematiche psicologiche come l’ansia, la depressione e lo stress (Sun et al. 2013)
  • Mantiene la frequenza cardiaca, la sudorazione, la respirazione e riceve informazioni dall'orecchio.
  • Ha un ruolo importante contribuendo a diminuire l’infiammazione post-ictus nell'area infartuata.
  • Favorisce il rilassamento (ritmo sonno-veglia).
  • L'attività del nervo vago, oltre contrastare le infiammazioni, riduce lo stress ossidativo, ed è connessa con il funzionamento della corteccia frontale e dell’amigdala che sono fondamentali per la regolazione delle emozioni (Urry et al., 2006); migliora la qualità del sonno, migliora l'umore, la concentrazione e la capacità di scelta.

Il Nervo Vago, compresso o irritato o mal funzionante, può essere responsabile di numerosi sintomi:

  • Dolori diffusi (articolari e muscolari)
  • Emicrania, dolore cervicale, collo rigido, mal di testa
  • Senso di oppressione alla nuca e alle orbite;
  • Problemi di digestione (nausea, gonfiore intestinale o gastrico, acidità e bruciori o crampi allo stomaco, reflusso gastroesofageo) e disturbi glicemici (aumento di peso e obesità)
  • Stipsi cronica o diarrea, sindrome dell'intestino irritabile
  • Stanchezza, insonnia o sonno poco ristoratore;
  • Senso di svenimento, vertigini, sbandamento;
  • Tachicardia, extrasistole, battiti cardiaci irregolari o accelerati, problemi di pressione (acufeni)
  • Depressione e i declini cognitivi che sappiamo si correlano con l'osteoporosi
  • Infiammazioni di diverso genere
  • La postura si modifica: le curve della colonna cambiano e il rachide va in torsione 
  • Disturbi alla tiroide
  • Difficoltà di deglutizione, senso di nodo alla gola;
  • Eccessiva sudorazione o salivazione
  • Rossore in viso
  • Disturbi del tratto urinario inferiore
  • Irregolarità del ciclo mestruale
  • Calo del desiderio sessuale
  • Occhi stanchi e arrossati
  • Abbassamento del tono dell'umore
  • Difficoltà a concentrarsi
  • Difficoltà nel raggiungere il normopeso o sentire la necessità di assumere cibi zuccherati (comfort food)
La terapia farmacologica può alleviare ed eliminare i sintomi, ma non riesce ad intervenire sulle cause, e a volte il farmaco non sortisce effetto.

L’osteopatia interviene favorevolmente sulle disfunzioni di questo nervo.

La sua funzionalità può essere compromessa a causa di un iper stimolazione del sistema ortosimpatico o di altro processo che disturba l'equilibrio tra orto e parasimpatico (Stress e infiammazione es. il reflusso gastroesofageo). 

Da non dimenticare che, sistema nervoso e sistema immunitario collaborano continuamente

Il 70% del sistema immunitario si trova nell'intestino, quindi risulta di fondamentale importanza il microbioma influenzato dall'alimentazione.

Il Nervo Vago viene controllato dalla respirazione e viceversa: ad esempio, un’eccessiva ventilazione o un’apnea possono condizionare sul suo funzionamento: esso innerva il diaframma assieme al nervo frenico.

L’Osteopatia ha l’obiettivo di cercare le cause dei disturbi e delle patologie e si occupa di risolverli attraverso la manipolazione (vedi meccanotrasduzione) e le terapie manuali viscerali.

La stimolazione del nervo vago, attraverso le terapie manuali osteopatiche, favorisce il riequilibrio della circolazione linfatica e la riduzione dell’infiammazione, diminuzione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna, oltre a rilassare i muscoli e la mente (Field 2014). Questi effetti comprendono anche un aumento dell'ossitocina e della serotonina, mentre diminuisce la vasopressina.

La sua stimolazione, associata a specifica terapia fisica, aumenta notevolmente il recupero della funzione motoria post ictus.

Oltre alle manipolazioni, l’Osteopata vi consiglierà una alimentazione adeguata, uno stile di vita corretto e ginnastica posturale per eliminare costrizioni e posture antalgiche.

Vedi anche:





Chiama o Prenota con WhatsApp la tua prima visita oppure chiedi una consulenza gratuita




Scarica la Brochure

Pagamenti Oline

Disclaimer e Note Legali